Le più belle spiagge della Costiera Amalfitana

La Costiera Amalfitana è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità e le sue spiagge sono la meritata corona di tanta nobiltà. Certo non sono più gli anni in cui a Conca Marini o ad Atrani si potevano incontrare Gianni Agnelli e Jacqueline Kennedy o celebri attori di Hollywood.

Come allora però ancora oggi le spiagge più belle della Divina Costiera si raggiungono in barca o lungo stretti sentieri a picco sul mare ed il consiglio per tutti è, dopo avere trovato ospitalità sulla spiaggia tra ombrelloni, sdraio e chioschi,  di prendere un pedalò e godervi la costa metro per metro guardando il fondo attraverso la trasparenza dell’acqua ed i riflessi del sole.

Il sole però si nasconde dietro la punta di Sorrento già nel primo pomeriggio in quasi tutte le località della Costiera eccezion fatta per le spiagge di Amalfi, di Erchie, quelle da Maiori fino a Cetara e per le spiagge di Praiano. Queste ultime sono anche le uniche dalle quali si può godere  di splendidi tramonti. La prima indicazione quindi è, per chi intende vivere una tradizionale lunga “giornata di sole”, di recarsi in spiaggia la mattina presto. Un altro consiglio è di non fermarsi alla prima spiaggia che si trova entrando dal lungomare a meno che non si incontrino gli amici o scoppi un’affinità profonda con i bagnini/ bagnine. Infine non utilizzare l’automobile per raggiungere la spiaggia perché il parcheggio o la multa costerebbero più dell’albergo e della spiaggia insieme.

Dopo queste necessarie premesse va giustamente sottolineato che le spiagge più famose della Costiera Amalfitana sono certamente i 200 metri della Marina Grande di Amalfi, spesso più affollata dello stadio il giorno della finale e l’altra Marina Grande a Positano sempre frequentata da star e calciatori. Un’altra spiaggia decisamente “IN” è quella di Laurito vicino a Positano con due ristoranti sul mare, raggiungibile oltre che dal mare anche dalla piazzetta centrale del paese attraverso una scala. Con una più lunga scalinata di trecento gradini si arriva invece alla spiaggia di Arienzo da dove si possono ammirare le splendide ville della Costiera.

Ma dopo questo breve introduzione è giunta l’ora di addentrarsi maggiormente in questo Paradiso Terrestre fatto di mare, sole e splendidi panorami.

Le Spiagge di Amalfi e Ravello

Amalfi è al centro della Costiera non solo in senso geografico, ma anche nella concreta ricerca di una spiaggia dove passare una giornata di mare e di sole. La Spiaggia di Marina Grande ad Amalfi infatti oltre ad essere come dice il nome tra le spiagge più ampie della Costiera Amalfitana è certamente la più frequentata da chi ama farsi notare. Dal suo molo partono ogni 30 minuti i battelli per raggiungere le tante calette accessibili solo dal mare, ma anche i collegamenti con Sorrento, Capri, Salerno e Positano.

La vicina spiaggia di Duoglio è più indicata per gli sportivi anche perché per raggiungerla dalla strada occorre scendere per poi risalire, una scala di oltre quattrocento gradini.  La spiaggia di Atrani è invece più frequentata da famiglie con bambini perché facilmente raggiungibile dal centro del paese senza passaggi impegnativi ed è tra le poche con fondo sabbioso e digradante verso il mare.

La spiaggia di Castiglione è invece situata sotto la splendida Ravello, arrampicata sul fianco della montagna. È raggiungibile via terra scendendo una scala di quasi duecento gradini che parte dalla statale all’ingresso del paese. La spiaggia è lunga un centinaio di metri e profonda una ventina ed anch’essa come Duoglio in ombra dal primo pomeriggio

Le Spiagge di Positano

Positano è forse la località più amata dagli abituali frequentatori della Costiera Amalfitana, siano essi turisti o curiosi, popolo della notte o famiglie con bambini, cittadini della zona o parte di quel Mondo internazionale che dagli anni ’60 non ha mai davvero smesso di frequentare la magia di questi borghi. Questa magia forse dipende dal fatto che ognuno trova qui un suo spazio e parte della storia che cerca: spiagge quasi frenetiche un po’ riminesi come Marina Grande o riservate come Fornillo e Laurito, larghe piazze ed alberghi da sogno, ma anche strette stradine dove quasi ci si può ancora smarrire.

La spiaggia di Marina Grande a Positano ogni giorno si apre come un grande teatro dove il mondo della Costiera recita a soggetto tra modelle ed attori veri o presunti, bambini e mamme, ragazze giovani e giovanissime, impiegati e bagnini. Un Grande Fratello quotidiano che dà spettacolo da mattina a sera tra bagni, discoteche e ristoranti, davanti alle isole de Li Galli ed alle spalle delle colorate casette del borgo di Positano.

Dalla spiaggia di Positano si raggiungono quindi le tante spiagge della zona, alcune a piedi lungo i sentieri o con barchette che si offrono per brevi passaggi via mare. La più vicina è la spiaggia di Fornillo, si raggiunge attraverso una breve passeggiata lungo la costa rocciosa partendo proprio dal molo, è certamente meno affollata di Marina Grande, ma frequentata soprattutto da giovani che la preferiscono per la maggiore riservatezza.

La spiaggia di Laurito è un adorabile fazzoletto di sabbia e rocce sul mare che si raggiunge scendendo una scalinata dalla piazza dell’Hotel San Pietro a Positano. È piccola, ma preziosa, con un albergo e ristorante praticamente sull’acqua dove una volta nella vita tutti sognano di fermarsi.

La spiaggia di Arienzo si raggiunge scendendo una lunga scalinata che costeggia gli ingressi ed i parchi delle residenze di Vip internazionali. E’ la spiaggia dove il sole tramonta più tardi e quindi la più ricercata per l’aperitivo serale.

Le Spiagge di Vietri sul Mare e Cetara

La spiaggia di Vietri sul Mare si distingue tra le spiagge della Costiera Amalfitana perché è sabbiosa, lunga ben quattrocento metri e comoda da raggiungere. Anzi è l’ unica in tutta la zona raggiungibile facilmente in automobile ed in treno data la vicinanza all’autostrada ed all’unica stazione ferroviaria di tutta la Costiera Amalfitana. A giustificarne ancora di più il grande favore di turisti e famiglie è anche la sua felice posizione che la vede illuminata dal sole fino al tardo pomeriggio.

Le spiagge della Crespella e di Marina di Vietri sono lunghe ognuna un centinaio di metri e si raggiungono dalla strada come la spiaggia di Marina di Albori, piccola frazione di trecento abitanti sulle colline interne collegata alla sua baietta da una breve strada e nell’ultima parte da una comoda scalinata di cinquanta gradini. Anche queste spiagge godono del sole fino quasi al tramonto e sono sempre molto frequentate fino a stagione avanzata.

Da Vietri proseguendo lungo la costiera si raggiunge Cetara, un borgo di pescatori alle spalle di una spiaggia piccola, ma generalmente tranquilla e meno affollata di altre, su cui si affacciano ristoranti semplici, ma molto apprezzati per il tonno fresco e la tipica colatura di alici per la quale il paese è giustamente celebre in tutto il Mondo.

Le Spiagge di Praiano e Furore

Le spiagge di Praiano si sviluppano dallo stretto fiordo di Furore fino alla spiaggia della Gavitella. La piccola spiaggia di Furore è uno dei luoghi più caratteristici e fotografati della costa, è ideale per chi si alza tardi ed arriva in spiaggia ad ora di pranzo perché è illuminata dal sole solo nel pomeriggio. Si può raggiungere facilmente via mare o scendendo lunghe e ripide scalinate che dalla statale giungono fino al mare.

Subito dopo Furore si incontra l’altrettanto profonda baia di Marina di Praia, una stretta spiaggia di sassi chiusa su tre lati da un’alta scogliera percorsa da una passeggiata panoramica che la risale fino dietro l’alta torre saracena.

La spiaggia della Gavitella invece grazie alla sua esposizione ad ovest oltre a godere di una splendida vista sulle isole di Capri e Li Galli è uno dei pochi luoghi della scogliera da dove si possa godere del sole fino al tramonto ed è infatti sede di un celebre ristorante situato proprio al centro della spiaggia, perfetto per una romantica cena ammirando il sole tramontare. Per raggiungerla è necessario scendere una ripida scalinata di oltre quattrocento gradini o utilizzare il battello del ristorante che parte da Marina di Praia.

Le Spiagge di Maiori e Minori

Le spiagge di Maiori e Minori sono le più amate dalle famiglie con bambini per il fondo sabbioso e la maggiore facilità nel raggiungerle, non necessitando di scendere ripide scalinate incastonate nella roccia. La spiaggia di Maiori con il suo chilometro di lunghezza è infatti la più lunga della Costiera Amalfitana e con il suo lungomare pianeggiante ritmato da stabilimenti balneari e ristoranti ricorda più i paesaggi romagnoli che le altre località costiere.

Anche la spiaggia di Erchie come quella di Maiori è lunga e sabbiosa, il piccolo borgo di pescatori arroccato dietro la spiaggia è uno dei luoghi più caratteristici della Costiera. Illuminato fino al tramonto è conosciuto per i molti ristoranti popolari che nella loro atmosfera informale offrono una cucina casalinga e genuina a base di pesce. Minori ha una sua architettura più tradizionale di stradine e piazzette che scendono verso il mare e si incontrano nel corto lungomare che disegna il confine della spiaggia.

Le Spiagge di Nerano e Punta Campanella

Punta Campanella ed il suo parco marino si trovano sul versante meridionale di quella striscia di terra alle spalle di Sorrento, di fronte all’isola di Capri, che separa il Golfo di Napoli dalla Costiera Amalfitana. Proprio a Punta Campanella si trovano alcune delle spiagge più belle e selvagge della Costiera.

La spiaggia di Nerano è la più conosciuta e frequentata della zona e sono stati trovati riscontri storici che dimostrano come fosse già luogo di villeggiatura in epoca romana e preromana, probabilmente per la sua posizione che le garantisce una lunga esposizione ai raggi solari. Non a caso infatti la stagione in queste spiagge dura da marzo fino ad ottobre. La spiaggia di Nerano è ampia e si stende in una vasta baia chiamata Marina del Cantone, esposta a sud e riparata tutto intorno dalla collina, si caratterizza per un clima temperato e protetto dai venti.

Sui due lati della baia si trovano la spiaggia di Racomone e la Baia di Ieranto che si raggiungono a piedi percorrendo i sentieri che partono dalla spiaggia stessa. La Baia di Racomone si raggiunge in circa quindici minuti di cammino lungo la costa ed oltre ad un ristorante ed un piccolo stabilimento balneare ospita nella sua insenatura due ampie grotte che garantiscono ristoro anche nelle giornate più soleggiate.

La spiaggetta di Ierano si trova invece dalla parte opposta rispetto a Racomone, proprio sulla punta della lingua di terra che separa la Costiera Amalfitana dalla penisola sorrentina. La spiaggia di Ierano è racchiusa in una caletta non grande, ma molto caratteristica esattamente di fronte ai faraglioni di Capri, ed è apprezzata anche per la sua acqua cristallina.

© Copyright - Cookie Policy - That's Amalfi!